LIBRI MATERIALI PER IL FORMATORE E-BOOK RIVISTE MANUALISTICA SOFTWARE FORMAZIONE AREE TEMATICHE
Ignora collegamenti di navigazioneHome :: Editoria :: Articoli-in-pdf :: Criteri ESG, sostenibilità e principi di complianc...
Criteri ESG, sostenibilità e principi di compliance: <br> Punti di contatto e sinergie con i Modelli 231, EPC Editore, Ambiente & Sicurezza sul Lavoro – settembre/ottobr, <b> Alessandro Foti</b>
<br><i> HSE & Compliance Manager. Esperto di sistemi di gestione e 231, ricopre diversi incarichi di OdV.
Capo-delegazione italiana in ISO al TC309 “Governance of organizations” e coordinatore UNI/CT 016/GL 09 «Governance delle organizzazioni». In AIAS coordina il GTS “Sistemi di gestione” ed è Responsabile territoriale per la Regione Lombardia.</i>

Edizione: Ambiente & Sicurezza sul Lavoro – settembre/ottobr
Pagine: 7
Formato: pdf protetto con Social DRM
Criteri ESG, sostenibilità e principi di compliance:
Punti di contatto e sinergie con i Modelli 231
Articolo tratto dalla rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro
settembre/ottobre 2022
Alessandro Foti
HSE & Compliance Manager. Esperto di sistemi di gestione e 231, ricopre diversi incarichi di OdV. Capo-delegazione italiana in ISO al TC309 “Governance of organizations” e coordinatore UNI/CT 016/GL 09 «Governance delle organizzazioni». In AIAS coordina il GTS “Sistemi di gestione” ed è Responsabile territoriale per la Regione Lombardia.
Descrizione
Negli ultimi mesi si è parlato sempre più spesso di criteri ESG collegati ai temi finanziari, ai fondi del PNRR, ma anche riconducibili a tematiche di sostenibilità di un’impresa. L’articolo chiarisce come collocare tali criteri in sinergia con i Modelli 231 e, più in generale, con i sistemi di Compliance e Governance di un’organizzazione.

Abbonati alla rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro

Indice
La compliance e la nuova spinta verso un sistema integrato aziendale - Relazione tra i principi di compliance e i criteri di sostenibilità - Modelli organizzativi ex-D.Lgs. 231/01 e relazione con i criteri ESG - L’analisi del contesto aziendale - La prevenzione dei reati - Il miglioramento della reputation e della capacità comunicativa - Circolarità e sinergie.