LIBRI MATERIALI PER IL FORMATORE E-BOOK RIVISTE MANUALISTICA SOFTWARE FORMAZIONE AREE TEMATICHE
Ignora collegamenti di navigazioneHome :: Formazione e Consulenza :: Corsi a catalogo :: La corretta classificazione e l'esaustiva caratter...
La corretta classificazione e l'esaustiva caratterizzazione del rifiuto

IN VIDEOCONFERENZA
alla luce della recente evoluzione della normativa europea

Normale
Presentazione
Il corso si propone di fornire tutte le risposte ed i chiarimenti sul vasto mondo dei rifiuti, con particolare riferimento alla corretta classificazione dei rifiuti e all’esaustiva caratterizzazione degli stessi, evidenziando gli aggiornamenti tecnici e normativi che stanno interessando il settore. Al termine dell’incontro i partecipanti avranno acquisito principalmente conoscenze su:
1. cosa prevede la normativa tecnica, chi e come assolvervi;
2. gli strumenti operativi per l’applicazione di tale normativa;
3. quando e perché procedere con la classificazione e la caratterizzazione dei rifiuti;
4. quando e perché commissionare le analisi chimiche;
5. le criticità e le sanzioni cui si va incontro in caso di non corretta classificazione e non esaustiva caratterizzazione dei rifiuti.
Destinatari
L'incontro è indirizzato ai responsabili dei servizi ambiente di piccole, medie e grandi imprese, ai Responsabili Tecnici, alle figure preposte alla gestione del settore rifiuti in impianti di trattamento, recupero e/o smaltimento, alle imprese che effettuano il trasporto di rifiuti, ai laboratori di analisi, agli organi di polizia giudiziaria preposti al controllo ed alle pubbliche amministrazioni.
Orari e sede
Orario di svolgimento: 9,00 – 18,00

IN VIDEOCONFERENZA
Programma
1. La fotografia della situazione attuale
- Il percorso di recepimento delle direttive del pacchetto Circular Economy
- Il punto della situazione dopo il recepimento avvenuto nel Settembre 2020
- Il varo del Green New Deal comunitario
- Il nuovo percorso della Comunità europea verso l'obiettivo della neutralità climatica al 2050
- Interventi al di fuori del recepimento:
• L'ingresso sullo scenario di ARERA per quanto attiene la regolamentazione tariffaria dei servizi della gestione integrata dei rifiuti urbani
• La riforma operata dal Ministero dell'Ambiente sui criteri ambientali minimi del servizio di igiene urbana e sulla tracciabilità dei rifiuti

2. Elementi di diritto della gestione dei rifiuti
- La struttura attuale e la definizione di Circular Economy
- i termini spiegati
- Il Diritto
- Le fonti del diritto
- La gerarchia delle fonti
- Legge e Atti aventi forza di Legge

3. Il quadro normativo
La recente evoluzione della normativa europea:
- Decisione 955/2014/UE
- Regolamento UE n.1357/2014

4. Il catalogo europeo dei rifiuti (E.E.R.)
- Il nuovo Elenco europeo dei rifiuti
- La struttura dell’elenco europeo dei rifiuti: sezioni, sottosezioni e categorie
- Il significato delle sei cifre rappresentative del codice EER

5. La responsabilità del produttore
- Il processo di attribuzione del codice EER alla luce delle recenti novità normative

6. La classificazione dei rifiuti
- La classificazione ai fini giuridici e le novità normative introdotte dal Regolamento UE n.1357/2014
- La classificazione ai fini dello smaltimento
• Lo smaltimento in discarica: la caratterizzazione di base ai sensi del D.Lgs. n. 36/2003 e smi
• L’incenerimento: i requisiti dei rifiuti
- La classificazione ai fini del recupero
• I requisiti richiesti dal DM 05/02/98 e dal DM 161/02
- I certificati analitici
• Quando è necessaria l’analisi
• Chi deve effettuare il campionamento e come
• I requisiti minimi e l’esaustività di un certificato di analisi
• La falsità dei certificati di analisi e le sanzioni previste

7. Le Linee guida ISPRA sulla classificazione dei rifiuti (Delibera n. 105/2021)
- L’approccio metodologico per la classificazione dei rifiuti
- Esempi di classificazione di alcune tipologie di rifiuti
- I criteri metodologici per la valutazione di alcune singole caratteristiche di pericolo

8. I rifiuti pericolosi
- I rifiuti pericolosi e non pericolosi “assoluti” e le “voci a specchio”: cosa cambia con la nuova Decisione 955/2014/UE
- Le nuove caratteristiche di pericolosità dei rifiuti introdotte dal Regolamento UE n.1357/2014
• Nuove definizioni e denominazione delle caratteristiche di pericolo HP
• L’attribuzione delle caratteristiche di pericolo HP
• I “valori soglia” e i “limiti di concentrazione” per stabilire la pericolosità di un rifiuto
• I criteri per la definizione di sostanze e preparati pericolosi: applicabilità ai rifiuti.
Documentazione
Ogni partecipante riceverà una raccolta inedita di relazioni e presentazioni del docenti, su supporto informatico.
Modalità e quota di iscrizione
Le iscrizioni dovranno essere confermate con l'invio della scheda allegata per fax o per posta.
La quota di iscrizione e' di € 500,00 + IVA. Per iscrizioni pervenute entro 15 giorni dalla data di inizio del corso e' prevista la quota scontata di € 400,00 + IVA.

La quota comprende la fornitura del materiale didattico.
Sono previste quote ridotte per iscrizioni multiple provenienti dalla stessa Azienda/Ente.


INFORMA si riserva la facoltà di rinviare, annullare o modificare il corso programmato dandone comunicazione ai partecipanti entro 3 giorni lavorativi prima della data di inizio.
Docenti
Dott. STEFANO SASSONE
Professore a Contratto di Economia dell’Ambiente presso Università Ca’ Foscari Venezia. Direttore area tecnica Cisambiente – Confindustria. Componente comitato nazionale Albo Gestori Ambientali, presso il Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare.
Servizio clienti
Per ulteriori informazioni il nostro Servizio Clienti è attivo ai numeri:
Tel. 06 33245208 Diletta Mangino – e-mail: corsi@istitutoinforma.it
Fax 06 33245248