Norme tecniche per le Costruzioni 2018
LIBRI E-BOOK RIVISTE MANUALISTICA SOFTWARE FORMAZIONE AREEE TEMATICHE  OFFERTE
Home Chi siamo Newsletter Quotidiani online Video
Ignora collegamenti di navigazioneHome :: Formazione e Consulenza :: Corsi a catalogo :: Resistenza al fuoco delle strutture
Resistenza al fuoco delle strutture, INFORMA, 25/03/2019, <b>Tiziano Zuccaro</b> <br> Ingegnere, libero professionista. Consulente esterno nominato dal CCTS (Comitato Cen-trale Tecnico Scientifico) del Ministero dell’Interno per lo studio delle modalità di attuazione dell'approccio ingegneristico nel contesto normativo italiano. Dal 1989 è il rappresentante italiano della CFPA (Confederation of Fire Protection Association), autore di pubblicazioni sul rischio di incendio in ambito civile e industriale. <br><br>

<b>Emanuele Nicolini </b> <br> Geometra, da più di dieci anni si occupa di problematiche antincendio. Esperto nell’applicazione delle procedure della Fire Safety Engineering e nell’impiego di software di simulazione.

 Roma, 4 - 5 novembre 2019
Resistenza al fuoco delle strutture
Appendici Nazionali degli Eurocodici strutturali – Parte “fuoco”
Il nuovo Regolamento Prodotti da Costruzione (C.P.R.)
Norme tecniche per la definizione e la verifica delle prestazioni di resistenza al fuoco.
La resistenza al fuoco nel D.M. 3.8.2015 (codice di Prevenzione incendi)

Valido come Corso di Aggiornamento (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) per:
• Responsabili e Addetti SPP
• Coordinatori per la progettazione e l’esecuzione dei lavori

16 Crediti Formativi (CFP) CNI e CNPI

Normale
Presentazione
Con la recente pubblicazione del D.M. 31.07.2012: “Approvazione delle Appendici nazionali recanti i parametri tecnici per l'applicazione degli Eurocodici” è giunta a conclusione la fase di transizione ed armonizzazione della normativa italiana relativa alla resistenza al fuoco delle costruzioni.
Viene quindi ora definita in maniera omogenea la modalità di calcolo del carico di incendio e verifica della resistenza al fuoco nelle costruzioni, siano esse soggette o meno al controllo da parte del CNVVF, anche tramite l’impiego delle curve naturali di incendio e la possibilità di utilizzo di metodi di calcolo di riconosciuta affidabilità riconducibili alla “Fire Safety Engineering”, per permettere un’efficace ed avanzata soluzione nel campo della resistenza al fuoco delle costruzioni di nuova progettazione o già esistenti, così come previsto dal DM 9 maggio 2007.
Tale impostazione viene rafforzata e ulteriormente aggiornata dal nuovo D.M. 3 Agosto 2015: “Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’art.15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139”.
Tutto questo soddisfa l’esigenza di un riordino sistemico delle norme tecniche e va incontro alla richiesta, fortemente sentita nel campo della costruzioni civili, di un riferimento normativo improntato al più moderno indirizzo di normazione prestazionale oltre che prescrittiva.
Infine, la prossima entrata in vigore del Regolamento Prodotti da Costruzione, che sostituisce la Direttiva 89/106/CE e le ultime norme EN in materia di strutture in acciaio (EN 1090) introducono delle importanti novità in merito alla certificazione e marcatura CE dei prodotti da costruzione.

Il seminario si pone l’obiettivo di fornire, mediante richiami teorici, esempi ed esercitazioni, le necessarie informazioni sulle novità tecniche. Ai partecipanti al corso saranno forniti gli strumenti e i principi per determinare e verificare le prestazioni di resistenza al fuoco delle strutture (civili, edifici di particolare pregio artistico, ecc.), anche mediante l’applicazione delle metodologie della F.S.E.

Attestato
Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione dall’Istituto Informa. I Responsabili e gli Addetti SPP e i Coordinatori per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori riceveranno, inoltre, un attestato di frequenza al Corso di Aggiornamento, con relativa durata, dall’Università degli Studi Roma Tre, valido ai sensi del D. Lgs. 81/08 e s.m.i.
Obblighi
Il corso consente a Responsabili e Addetti SPP di adempiere all'obbligo di Aggiornamento sancito dal D. Lgs. 81/08 e dall'Accordo Stato-Regioni del 26/01/2006
Inoltre, l'iniziativa rappresenta per i professionisti del settore l'occasione per acquisire gli strumenti operativi per poter garantire la sicurezza in tutti quei casi in cui la norma prescrittiva non fornisce risposte esaustive rispetto alla specificità e alla particolarità delle strutture, soddisfacendo in tal modo l'esigenza di qualità, efficienza, flessibilità e sicurezza dell'opera progettata.
Destinatari
Responsabili e Addetti Servizio di Prevenzione e Protezione, responsabile servizio antincendio, tecnici della sicurezza, professionisti e consulenti del settore.
Orari e sede
Orario: dalle ore 9,00 alle ore 18,00

Sede del corso:
INFORMA - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale
- 00188 Roma - Via Clauzetto, 12 - Tel. 0633245281 – Fax 0633111043 clienti@istitutoinforma.it
Programma
1° giorno

1. INTRODUZIONE AL CORSO
2. LE DISPOSIZIONI IN CAMPO DI PREVENZIONE INCENDI
- D.M. 17.01.2018: “Aggiornamento norme tecniche per le costruzioni”
- D.M. 16 febbraio 2007: “Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione”
- D.M. 9 marzo 2007: “Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco”. Le lettere circolari n. 1968 del 15 febbraio 2008 e P414 del 28 marzo 2008
- D.M. 3 Agosto 2015: “Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’art.15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139”
- Rapporto tra le disposizioni esistenti e il D.M. 3 agosto 2015
3. IL NUOVO REGOLAMENTO PRODOTTI CA COSTRUZIONE (CPR)
- Introduzione
- Il passaggio dalla Dichiarazione di Conformità alla Dichiarazione di Prestazione
4. L’INCENDIO
- La fase pre-flashover
- Il flashover
- La fase post flashover
- L’incendio generalizzato
- L’incendio localizzato
5. LA COMBUSTIONE DEI MATERIALI: LA REAZIONE AL FUOCO
- D.M. 10 marzo 2005: “Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della sicurezza in caso d'incendio”.
- D.M. 15 marzo 2005: “Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo”.
- Reazione al fuoco nel D.M. 3.8.2015: “Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’art.15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139”.
6. LA COMBUSTIONE DEI MATERIALI: LA RESISTENZA AL FUOCO
- Capacità portante
- Capacità di compartimentazione e le nuove classi di resistenza al fuoco
- La compartimentazione e la resistenza al fuoco nel D.M. 3.8.2015.
7. LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI INCENDIO NELL’OTTICA DELLA RESISTENZA AL FUOCO
8. CALCOLO DEL CARICO DI INCENDIO IN UN COMPARTIMENTO
- Richiami alla metodologia di calcolo
- La metodologia aggiornata del D.M. 3.8.2015
9. LE CLASSI DI RESISTENZA AL FUOCO E LE RICHIESTE DI PRESTAZIONE (LIVELLI DI PRESTAZIONE)
- Livello I; Livello II; Livello III; Livello IV; Livello V, anche rispetto al D.M. 3 agosto 2015.

2° giorno

1. CRITERI DI PROGETTAZIONE E OBIETTIVI DI SICUREZZA (DIRETTIVA CEE 89/106)
- Garantire la sicurezza degli occupanti durante tutta la loro permanenza prevista nell’edificio
- Garantire la sicurezza delle squadre di soccorso e delle squadre antincendio
- Evitare crolli dell’edificio
- Permettere ai componenti e ai sistemi antincendio di mantenere la loro funzionalità
- Consentire l’eventuale riutilizzazione della struttura, ove richiesto
2. PROCEDURE GENERALI PER IL PROGETTO DELLA STRUTTURA ALL’INCENDIO E INTRODUZIONE ALLA FIRE SAFETY ENGINEERING
- Gli scenari di incendio
- Il concetto di Heat Release Rate
- Come calcolare una curva HRR
- Scelta degli scenari di incendio significativi
- Determinazione dei relativi incendi di progetto
- Calcolo dell’evoluzione della temperatura all’interno degli elementi strutturali
3. LE CURVE DI INCENDIO, ANALISI DELLE TEMPERATURE NEGLI ELEMENTI STRUTTURALI
- Curve nominali, parametriche e naturali
- Esempi di applicazione
4. ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI
- Introduzione all’analisi delle sollecitazioni in caso di incendio
5. D.M. 31.7.2012 E GLI EUROCODICI STRUTTURALI PARTE “FUOCO”
- Introduzione agli Eurocodici
- Analisi delle principali novità relative alla parte “Fuoco”
- Rapporto con le norme di legge in Italia
6. VERIFICA E CERTIFICAZIONE DELLE STRUTTURE
- Utilizzo delle tabelle
- Utilizzo dei metodi di calcolo semplificati
- Elementi strutturali di compartimentazioni REI/EI nuovi test e rapporti di classificazione
Partners
Università degli Studi di Roma Tre
Documentazione
Ogni partecipante riceverà gratuitamente una copia dei seguenti volumi:
- “Reazione e resistenza al fuoco” di L. Mazziotti - G. Paduano - S. La Mendola, EPC.
- “Guida pratica alla valutazione del carico d’incendio” di A. Leonardi e G. Passeretti, EPC.
Inoltre, sarà fornita una dispensa realizzata dai Docenti, completa delle versioni freeware di due dei più diffusi software di simulazione di incendio: il CFAST (Consolidated Fire And Smoke Transport) e il FDS (Fire Dynamics Simulator) del NIST (National Institute of Standards and Technology).
Modalità e quota di iscrizione

Il seminario ha un costo di Euro 850,00 + IVA, per iscrizioni pervenute 10 giorni prima dell'inizio delle lezioni viene riservato uno sconto del 10%.

La quota comprende la fornitura del materiale didattico, le colazioni di lavoro, i coffee break e un servizio navetta dalla Stazione Termini alla sede di Informa e viceversa.

La suddetta attività di formazione rientra tra i costi deducibili nella misura del 50% per i redditi dei liberi professionisti. (artt. 53 e 54 del D.P.R. 22.12.1986 N. 817 e successive modifiche)
Note organizzative
Durante lo svolgimento del corso saranno offerti 2 coffee break, uno la mattina (alle ore 11.00 circa) ed uno nel pomeriggio (alle ore 16.00 circa), e la colazione di lavoro dalle ore 13,00 alle ore 14,00.
Docenti
Tiziano Zuccaro
Ingegnere, libero professionista. Consulente esterno nominato dal CCTS (Comitato Cen-trale Tecnico Scientifico) del Ministero dell’Interno per lo studio delle modalità di attuazione dell'approccio ingegneristico nel contesto normativo italiano. Dal 1989 è il rappresentante italiano della CFPA (Confederation of Fire Protection Association), autore di pubblicazioni sul rischio di incendio in ambito civile e industriale.

Emanuele Nicolini
Geometra, da più di dieci anni si occupa di problematiche antincendio. Esperto nell’applicazione delle procedure della Fire Safety Engineering e nell’impiego di software di simulazione.
Servizio clienti
Per ulteriori informazioni il nostro Servizio Clienti e' attivo ai numeri:
Tel. 06 33245282 Valentina Meucci - e-mail: clienti@istitutoinforma.it
Tel. 06 33245281 Virginia De Santis – e-mail: clienti@istitutoinforma.it
Fax 06 33111043