LIBRI E-BOOK RIVISTE MANUALISTICA SOFTWARE FORMAZIONE AREEE TEMATICHE OFFERTE 
Ignora collegamenti di navigazioneHome :: Formazione e Consulenza :: Corsi a catalogo :: Tecniche innovative ed emergenti (T.I.E.) per una ...
Tecniche innovative ed emergenti (T.I.E.) per una formazione alla sicurezza più efficace
Valido come Aggiornamento per Formatori, RSPP, ASPP, Datori di lavoro, Dirigenti, Preposti, RLS e Coordinatori sicurezza cantieri (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)
Roma 3
Presentazione
La formazione efficace è quella che risponde ai bisogni delle organizzazioni e delle persone, che prevede valutazioni e controlli dell’apprendimento, dando vita ad un processo di formazione continua, accompagnata da progetti di innovazione organizzativa. Queste esigenze fanno emergere sempre più la necessità di utilizzare metodologie formative innovative, che coinvolgano e garantiscano l’apprendimento.
“T.I.E per una formazione più efficace” è’ un percorso formativo articolato in due giornate da 8 ore ciascuna, fruibili anche singolarmente, sull’uso delle tecniche formative che utilizzano il linguaggio dell’arte e la tecnologia per stimolare l'immedesimazione, la riflessione personale e per migliorare la consapevolezza critica di sé stessi e degli altri.
Si tratta di modalità formative che favoriscono l’attenzione, l’ascolto e il ricordo, attraverso il coinvolgimento attivo e la condivisione, ma che è necessario utilizzare con cognizione e capacità in modo da non banalizzarne il senso e favorirne l’efficacia anche in termini di motivazione e volontà di apprendere quanto necessario per lavorare secondo un’ottica preventiva e protettiva nei confronti dei rischi e dei pericoli.
Queste tecniche sono particolarmente efficaci rispetto a quelle tradizionali nei casi in cui la finalità della formazione è la modifica di atteggiamenti, modelli culturali e comportamentali accettati e interiorizzati.

Attestato
Al termine dell’intero corso o delle singole giornate sarà rilasciato un attestato di partecipazione dall’Istituto Informa. I Responsabili e gli Addetti SPP, i Formatori e i Coordinatori per la progettazione e l’esecuzione dei lavori riceveranno, inoltre, un attestato di frequenza al Corso di Aggiornamento, con relativa durata, dall’Università degli Studi Roma Tre, valido ai sensi del D. Lgs. 81/08 e s.m.i..
Obblighi
Il corso consente a Formatori, RSPP, ASPP, Datori di lavoro, Dirigenti, Preposti, RLS e Coordinatori sicurezza cantieri di ottemperare all'obbligo di aggiornamento sancito dal D. Lgs. 81/08 e s.m.i.
Destinatari
Responsabili e Addetti al Servizio Prevenzione, datori di lavoro, dirigenti, preposti, formatori, RLS, Consulenti e professionisti del settore. Dirigenti scolastici e Docenti referenti per la Sicurezza in ambito scolastico e in alternanza scuola-lavoro.
Orari e sede
Orario: 9,00 - 18,00

INFORMA - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale
- 00188 Roma - Via Clauzetto, 12 - Tel. 0633245244 – Fax 0633245248 clienti@istitutoinforma.it
Programma
Il percorso formativo è articolato in due giornate, fruibili anche singolarmente, e sviluppa le seguenti tematiche:
- TIE 1: CINEMA, TEATRO, REALTA’ AUMENTATA, REALTA’ VIRTUALE e MIXED REALITY. Come utilizzare le diverse tecniche nella formazione alla sicurezza per aumentare l’attenzione, il coinvolgimento e l’efficacia in termini di apprendimento
- TIE 2: Lo STORYTELLING e la FOTOGRAFIA. Tecniche per costruire storie narrate, scritte, visuali e cantate per comunicare il rischio coinvolgendo sentimenti ed emozioni e modalità per comunicare il valore della sicurezza attraverso foto e immagini

TIE 1: CINEMA, TEATRO, REALTA’ AUMENTATA, REALTA’ VIRTUALE E MIXED REALITY
Come utilizzare le diverse tecniche nella formazione alla sicurezza per aumentare l’attenzione, il coinvolgimento e l’efficacia in termini di apprendimento


Roma, 12 marzo 2020

Attraverso l’utilizzo del cinema è possibile sollecitare un’elevata attivazione degli individui sia sul fronte cognitivo sia su quello emozionale facilitando durante le sessioni formative un apprendimento più rapido ed incisivo. Ciò avviene grazie alla concretizzazione dei concetti astratti e alla possibilità di esplorare le situazioni da diversi punti di vista e da diverse prospettive temporali. L’efficacia del cinema nel favorire l’apprendimento e il cambiamento è data dalla sua specificità artistica per cui attraverso le differenti tecniche di produzione è possibile immergersi in un’esperienza da un lato estremamente realistica, dall’altro capace di superare la realtà sia per estensione che per intensità.
La rappresentazione scenica ha una duplice funzione: facilita la memorizzazione delle informazioni agganciandole attraverso l’emozione e, man mano che aumenta il livello di immersività, favorisce la sensazione di essere parte dinamica e attiva nella gestione della sicurezza.
Considerando poi che siamo nel pieno di un mutamento epocale, non possiamo non tener conto di come la rivoluzione multimediale e l’avvento delle nuove tecnologie rendono possibile nel campo della formazione un apprendimento sempre più immersivo, grazie all’integrazione tra mondi virtuali, simulatori, giochi d’apprendimento e sofisticati media digitali, che caratterizzano gli ambienti attraverso esperienze sempre più coinvolgenti e basate sulla collaborazione.
Il corso intende fornire una panoramica sullo stato dell’arte relativo all’apprendimento immersivo e sulle tecnologie che permettono questo tipo di esperienza formativa nell’ambito della formazione alla sicurezza; sulle possibili applicazioni e sulle modalità di integrazione con le altre tecniche formative, con particolare attenzione alle tecnologie digitali che enfatizzano l'interattività del processo di apprendimento, la sperimentazione attiva dei saperi e la costruzione comune delle conoscenze.

CONTENUTI
- L’apprendimento esperienziale e l’utilizzo di metodi che permettono sia l’attivazione cognitiva che quella affettiva per un maggiore coinvolgimento
- Il Cinema come metodo e/o come strumento di supporto per altri metodi
- Le diverse modalità di utilizzo del materiale cinematografico: condivisione dei criteri e delle regole nell’utilizzo dei filmati in relazione a obiettivi e contesto
- Festival, rassegne e concorsi cinematografici per la diffusione della cultura della sicurezza: fonti, data base e archivi

- Sicurezza, percezione di sicurezza, overconfidence: le criticità e gli ostacoli nella formazione alla sicurezza
- L'emozione: elemento essenziale del processo di apprendimento
- Metodi, strumenti, spazi e contesti per una formazione efficace
- L’utilizzo del role playing per gli apprendimenti nell’area dei comportamenti relazionali e di ruolo
- Il Teatro nella formazione come strumento di consapevolezza, di crescita e di partecipazione nella formazione su salute e sicurezza
- Tipologie degli interventi formativi in cui si utilizzano le tecniche teatrali
- Esempio di rappresentazione teatrale, analisi e discussione per focalizzare gli aspetti che rendono questa metodologia idonea e coerente con le finalità della formazione alla sicurezza

- Fare apprendimento con le nuove tecnologie: cosa vuol dire e cosa implica
- La percezione del rischio: criticità e ostacoli che possiamo ridurre grazie alle nuove tecnologie
- La realtà aumentata, la realtà virtuale e la mixed reality: caratteristiche e differenze
- Interagire e relazionarsi con l’ambiente pericoloso in una situazione protetta, sviluppando consapevolezza e motivazione al comportamento corretto
- Esempi di diverse soluzioni tecnologiche: caratteristiche e modalità di impiego in relazione agli obiettivi, ai destinatari e al contesto; analisi e discussione per focalizzare i concetti chiave
- Lavoro di gruppo: Project work
- Presentazione dei lavori e discussione

TIE 2: STORYTELLING e FOTOGRAFIA
Tecniche per costruire storie narrate, scritte, visuali e cantate per comunicare il rischio coinvolgendo sentimenti ed emozioni.
Modalità per comunicare il valore della sicurezza attraverso foto e immagini


Roma, 13 marzo 2020

La tecnica dello storytelling, che sia narrato a voce, visualizzato attraverso immagini e video, o anche cantato, permette di affrontare in maniera efficace il problema del sovraccarico informativo e cognitivo insito nel momento realizzativo della formazione alla sicurezza. Attraverso adeguate narrazioni si può attirare l’attenzione, ridurre il “rumore di fondo” e fissare la memoria, ma, come per l’utilizzo di altre tecniche, nonostante faccia parte della natura umana, non si può improvvisare e, per coinvolgere, far acquisire e memorizzare informazioni e indurre al cambiamento di atteggiamenti e comportamenti, è necessario sviluppare una competenza specifica. Inoltre, nel processo della trasmissione informativa, che fa parte di quello formativo, e dell’apprendimento, la parte visiva ha un ruolo predominante e di supporto a quella uditiva.
L’immagine può essere utilizzata come un contenitore di metafore e valori che sintetizza ciò che viaggia attraverso il canale verbale con una modalità rapida, incisiva ed impattante. Infatti, la comunicazione attraverso le immagini permette di raggiungere il massimo effetto comunicativo nel più breve tempo possibile, grazie al suo forte potere di coinvolgere l’attenzione, all’immediata comprensibilità e alla facilità di memorizzazione.
Il corso si propone di fornire ai partecipanti gli strumenti per utilizzare al meglio questa tecnica e anche per sviluppare e allenare l’ascolto, l’osservazione della realtà e la focalizzazione dell’attenzione sugli aspetti cruciali, a volte latenti e silenti, ma importantissimi, in ambito di prevenzione, nella gestione della salute e sicurezza sul lavoro.

CONTENUTI
- I contenuti della formazione alla sicurezza e il rischio di sovraccarico informativo
- Narrazione e Storytelling: strategia comunicativa che permette di gestire i contenuti proponendo una lettura della realtà basata su valori ed emozioni; Scelta e cura dei contenuti in funzione dell’obiettivo e dei destinatari
- Le origini, la manipolazione e la costruzione collettiva del significato e del senso
- Il digital storytelling; La narrazione crossmediale e transmediale
- Esempi: analisi e discussione per focalizzare l’attenzione sugli aspetti trattati
- La struttura narrativa, le regole e le tecniche per realizzare una buona storia
- Tipologie di narrazione e scelta degli strumenti

- L’informazione, la formazione, la memorizzazione e l’apprendimento nella sicurezza sul lavoro
- L’uso delle immagini e della Fotografia nella comunicazione del rischio
- Esempi: analisi e discussione per mettere a fuoco le potenzialità dello strumento fotografico
- Il punto di vista dell’osservazione: guardare attivamente per aumentare e affinare la percezione, abilità necessaria e indispensabile nell’ambito della prevenzione
- Project work (lavoro di gruppo)
- Presentazione lavori, analisi e discussione
Partners
Università degli Studi di Roma Tre
Documentazione
Ogni partecipante riceverà la seguente documentazione:
- volume “Le arti della formazione” di P. Pirri, EPC Editore
- raccolta inedita di relazioni e presentazioni dei docenti su pen drive.
Modalità e quota di iscrizione
Le iscrizioni dovranno essere confermate con l'invio della scheda allegata per fax o per posta.
La quota di iscrizione e' di € 950,00 + IVA. Per iscrizioni pervenute entro 15 giorni dalla data di inizio del corso e' prevista la quota scontata di € 760,00 + IVA.

La quota comprende la fornitura del materiale didattico, le colazioni di lavoro, i coffee break ed un servizio di navetta dalla Stazione Termini all’Istituto INFORMA e viceversa, passando per gli alberghi convenzionati.
Sono previste quote ridotte per iscrizioni multiple provenienti dalla stessa Azienda/Ente.


INFORMA si riserva la facoltà di rinviare, annullare o modificare il corso programmato dandone comunicazione ai partecipanti entro 3 giorni lavorativi prima della data di inizio.
Note organizzative
Durante lo svolgimento del corso saranno offerti 2 coffee break, uno la mattina (alle ore 11.00 circa) ed uno nel pomeriggio (alle ore 16.00 circa), e la colazione di lavoro dalle ore 13,00 alle ore 14,00.
Docenti
D.ssa Daniela De Santis
Psicologa del lavoro, con specializzazione in Formazione dei Formatori, nei processi formativi in ambito psicologico con particolare rilievo ai temi delle risorse umane, dei comportamenti organizzativi, della salute organizzativa.
Servizio clienti
Per ulteriori informazioni il nostro Servizio Clienti e' attivo ai numeri:
Tel. 06 33245282 Valentina Meucci - e-mail: clienti@istitutoinforma.it
Tel. 06 33245281 Virginia De Santis – e-mail: clienti@istitutoinforma.it
Fax 06 33245248